Mamme 2018: super connesse o super sole?

Stamane ho avuto l’occasione di partecipare all’Osservatorio Mamme 2018 promosso come ogni anno da Sfera Editore (Gruppo RCS). Tre ore di lavoro molto interessante dove, tra gli altri, si sono affrontati i temi legati al reperimento dell’informazione da parte delle donne in gravidanza e delle neo-mamme.

Ne emerge un quadro che definirei quasi contraddittorio. Nel periodo di maggior accesso all’informazione da che si ricordi, le mamme e le future mamme, iper connesse (il 90% di loro è sempre connesso e l’85% lo è per almeno 4 volte a settimana) e super social (vedi la crescita di Instagram rispetto a questo target), sembrano figure sempre più sole e confuse che, nel marasma della rete, faticano a orientarsi e a orientare, dunque, le proprie scelte.

La responsabilità, forse, risiede in un modello di comunicazione orizzontale in cui lo scambio di informazioni tra pari, dove l’effetto flaming è sempre in agguato , dove le opinioni di ciascuno valgono quanto le opinioni di un esperto. Dove si tende a confermare il proprio bias attraverso la frequentazione virtuale di persone che la pensano come noi, anziché aprirsi ad un confronto costruttivo che possa generare autentiche forme di conoscenza.

Non regge più il modello della evaluation trust, ovvero “Vale quello che vale”, ma compare e impera il modello di transitività per cui “Quello che vale per gli altri vale per me”.

Ed ecco quindi che il Dott. Google, per esempio, diventa lo strumento che ostacola persino l’appuntamento con lo specialista, dove peraltro la futura mamma arriva spesso con una lunghissima lista di domande scritte, perché il livello di ansia per il percorso che sta compiendo è elevatissimo e amplificato dalle conversazioni con altre mamme, ciascuna con il proprio personale vissuto e bagaglio di esperienze. Non è un caso, ad esempio, che si sviluppino spesso fenomeni in cui l’esperienza negativa del singolo, anche  traumatica, come potrebbe essere un episodio di abortività, diventi in un baleno l’esperienza traumatica dell’intero gruppo, sviluppando un malessere diffuso che non aiuta nell’affrontare un percorso consapevole, quando ancora non sereno.

E allora come uscirne? Forse attraverso una ancora maggiore assunzione di responsabilità da parte di chi, testate e giornalisti, ha il compito di assicurare una buona e corretta informazione, non più solo attraverso la pubblicazione di informazioni top-down, ma anche attraverso la partecipazione a forum, social network, anche in collaborazione strutturata e continua con quegli attori depositari di conoscenze scientifiche (es. medici, psicoterapeuti, ecc.) che possano mettere a disposizione la loro competenza per migliorare la qualità dell’interazione.

Chiunque operi in questo settore di mercato, chiunque abbia a che fare con le donne in questo periodo meraviglioso e delicato della propria vita ha una responsabilità doppia, se possibile, rispetto alla autenticità e alla professionalità con cui svolge il proprio lavoro.

 

Advertisements

Facebook e le persone: dalla connessione all’interferenza. In un click.

A quanto pare Facebook sta testando una nuova modalità di distribuzione dei contenuti. Non più un unico feed in cui è inserito tutto ciò che potrebbe interessarci, bensì due canali:

  • un newsfeed composto dai contenuti pubblicati dai nostri amici e dagli annunci sponsorizzati
  • un search feed per tutto il resto, dove potremo/dovremo andarci a cercare le cose che ci interessano ma che non sono supportate da un investimento media

Molto si sta dicendo rispetto al danno in termini di visibilità e traffico che questa scelta comporterebbe per i piccoli publisher che finora hanno vissuto grazie alla qualità dei contenuti pubblicati e che vedrebbero drasticamente ridotte le proprie occasioni di visibilità.

Ma l’aspetto su cui vorrei proporre la mia riflessione è un altro, ovvero il concetto di “interruzione pubblicitaria”. Facebook afferma che la sua volontà è quella di offrire all’utente un’esperienza qualitativamente migliore, con una selezione sempre più accurata dei contenuti per lui interessanti. Ora come ora mi pare che in questo senso il social network funzioni piuttosto bene e mi sembra anche che, nel flusso del feed per come è organizzato, le sponsorizzate tutto sommato non costituiscano un fastidio vero ma convivano in modo coerente con il resto dei contenuti.

Cosa accadrebbe però, mi chiedo, se le suddette sponsorizzate, quasi sempre contenuti di pagine con un dichiarato intento commerciale, si insinuassero in un newsfeed composto solo da contenuti di profili privati, quelli dei miei amici? Non si determinerà un effetto disturbante molto più accentuato, quasi che quell’annuncio andasse a interrompere una conversazione privata?

Mi immagino la scena di un gruppo di amici davanti a uno spritz al bar, mentre chiacchierano del più e del meno. All’improvviso il cameriere toglie i bicchieri e li costringe a guardare un annuncio pubblicitario.

A me sembra che non stiamo parlando di una grande innovazione, ma di qualcosa che noi adulti abbiamo già sperimentato a suo tempo. Allora si chiamava pubblicità televisiva, interrompeva in modo arbitrario la visione del film o della nostra serie preferita e sai una cosa Mark? Molti di noi ne approfittavano per andare a fare pipì.

Il web per i ragazzi – un quadro senza cornice

Da sempre ho la sensazione che non sia una buona idea concedere a dei bambini/ragazzini uno smartphone tutto loro, ma fino ad oggi attribuivo questa mia paura a ragioni di mera sicurezza: facile accesso a contenuti pornografici online, facile possibilità di adescamento per pedofili e affini, eccetera.
Ho sempre saputo, tuttavia, che in me aleggiava anche una sensazione diversa, sottesa alla mia ritrosia, ma non sapevo darle un nome preciso. Ci ha pensato Gregory Bateson con le sue cornici.

Per poter operare, la mente necessita di un inquadramento, di una cornice, che la informi su come devono essere intesi i messaggi, ad esempio se in senso letterale o metaforico, reale o fantastico, veritiero o simulato, ecc. Questo inquadramento è fornito dai messaggi metacomunicativi.

Ecco, nel web, e nei social in particolare, questa cornice non esiste. Non si capisce cosa siano le cose, perché non esiste confine tra l’una e l’altra. Non c’è discontinuità tra una fake news e una notizia seria, non c’è divisione tra opinioni e fatti, non c’è segmentazione tra argomenti. Non ci sono frame, appunto. Ma la comunicazione e il flusso di informazioni si distendono lungo un continuum che il bambino/ragazzino non è in grado di distinguere, di sezionare, di collocare.

Quando il bambino è in classe, per esempio, gli è molto chiaro che quel luogo e quel tempo sono diversi dai luoghi e dal tempo che vive a casa. Gli è molto chiaro quale tipo di comportamento è opportuno tenere in quel frangente, all’interno di quella cornice. Quando è con mamma e papà il bambino, opportunamente guidato, è in grado di distinguere il tempo del gioco da quello dello studio, da quello in cui si guardano i cartoni animati o i programmi che mamma e papà consentono di vedere.

Ma quando si trova all’interno del web, o all’interno di un social network, chi lo aiuta a distinguere spazi e tempi? Il video di un attentato accaduto, poniamo, due anni fa, a Londra, potrebbe capitare sotto gli occhi di nostro figlio oggi. Siamo sicuri che sia in grado di comprendere che quell’avvenimento è già passato, e si è svolto lontano da lui?
Siamo certi che per lui il concetto di distanza spazio temporale sia così semplice da afferrare? E come questo esempio ce ne potrebbero essere molti altri.

Questo flusso provoca nella mente del bambino confusione, distrazione, disorientamento e anche angoscia. Il bambino, privo di quel sostegno necessario per la sua giovane mente che lo aiuta a discernere, a sviluppare un solido spirito critico, a comprendere dove finisca la burla e dove inizi l’informazione si trova sperso in questo mare magnum di opportunità, con la sensazione perenne di non riuscire a coglierle fino in fondo.
Ed ecco fiorire sui quotidiani storie di nuove patologie che colpiscono, guarda caso, gli adolescenti: senso di solitudine estrema, bisogno di isolamento, disturbi della psiche, aumento dei disturbi alimentari e chi più ne ha più ne metta.

Soli, sebbene connessi.

Rompere questo muro di solitudine, però spetta a noi genitori. Sarebbe bene resistere, sarebbe opportuno, prima di regalare uno smartphone ai nostri figli, intraprendere un percorso di formazione e di utilizzo da fare insieme, per accompagnarli in questo percorso. Non importa quanto possa essere dura, non importa quanto penseranno di odiarci. Ci sono NO troppo importanti, ai quali non possiamo abdicare in nome del “così fan tutti”.

Essere nativi digitali significa solo saperlo usare bene uno smartphone, ma non significa affatto essere pronti a digerirne il contenuto.