Vorrei migliorare l’inglese ma non ho tempo. Falso.

Quante volte ho sentito questa frase: “eh, si, dovrei proprio rimettermi a rinfrescare un po’ l’inglese, ma non ho il tempo”. Niente di più falso. Esistono mille e uno modi per tenersi in allenamento su questo fronte, esattamente negli stessi minuti che usiamo per lavorare, svagarci, vivere. Come? Non ho pretese di insegnare nulla a nessuno e non sono, purtroppo, bravissima a parlare l’Inglese ma vi garantisco che sono decisamente migliorata negli ultimi anni sia a livello di ascolto che di produzione verbale, senza frequentare corsi o lezioni private. Come ho fatto? Sfruttando le opportunità, tutte, che avevo per allenarmi.

Puoi guardare le tue serie TV preferite in lingua originale
Eh vabbè, ma io non capisco niente. Vero, verissimo. All’inizio è un po’ così, ma bisogna tenere duro. Chiaro, se siamo proprio a un livello disperato in cui abbiamo grosse lacune grammaticali e non riusciamo a intelligere nemmeno una parola forse questo non è il migliore dei metodi possibili, però se siamo a un livello intermedio, dove ci mancano davvero l’abitudine, la pratica e l’allenamento ma qualche nozione ce l’abbiamo, questo è senz’altro un ottimo sistema. All’inizio, se preferite, potete utilizzare i sottotitoli in lingua originale, vi aiuteranno a trovare pian piano la corrispondenza giusta tra ciò che state ascoltando e la parola scritta, così da allenare l’orecchio a riconoscerla in seguito con maggior facilità. Per me è stato così.
Personalmente trovo molto più semplice ascoltare le serie TV americane piuttosto che quelle inglesi, anche se il suono di queste ultime lo preferisco. Una delle serie che mi ha fatto penare di più è stata Sherlock su Netflix, ma l’ho amata così tanto che alla fine l’ho guardata tutta almeno un paio di volte con la scusa di allenarmi.

Puoi seguire webinar o sessioni di training gratuite per il tuo lavoro
Ci avete mai pensato? A me capita spesso. Per lavoro utilizzo diversi software a vario titolo e spesso e volentieri le aziende che li sviluppano ti propongono webinar o sessioni di training gratuiti per riuscire ad utilizzarli al meglio. Ammetto di averli quasi sempre snobbati fino a poco tempo fa, quando mi sono resa conto che potevano essere un autentico toccasana per il mio Inglese. Anche quando riguardano features che già conosci, o non ti cambiano davvero la vita in termini di formazione vera e propria, questi momenti ti consentono di utilizzare un’ora del tuo tempo per acquisire informazioni e competenze, da un lato, ed impratichirti con l’Inglese, dall’altro. Il massimo per me sono le sessioni di training interattive, dove è possibile interagire via microfono e via chat, perché sono veramente delle occasioni d’oro in cui hai l’opportunità di allenarti a scrivere in modo corretto, formulare frasi o domande e, naturalmente, ascoltare. In più, poiché gli interlocutori possono essere di qualunque luogo nel mondo, è anche un modo eccellente per abituarti ai diversi accenti e alle diverse pronunce.
Magari non li hai mai visti sotto questo aspetto, ma trovo siano davvero un’ottima opportunità per imparare e riuscire a trarre il massimo dal proprio tempo. Come si dice, due piccioni con una fava.

Puoi leggere in Inglese
Sì, vabbè, brava che scoperta. Ok, non è un consiglio di chissà quale originalità, lo ammetto. E pur tuttavia non lo darei così per scontato. Non ditemi che tra l’opportunità di mettervi sotto le coperte o sul divano a leggere un romanzo, la vostra prima scelta ricade sulla versione in lingua originale. Per me non è così. Il mio senso di comfort mi farebbe propendere senza indugi verso una bella edizione italiana, tradotta come si deve, a tutto relax. Ma, si diceva qualche giorno fa, scegliere di fare la cosa giusta anziché quella comoda è l’unico modo per progredire. E allora via ai libri in lingua originale che, tra l’altro, hanno un pregio fantastico a mio avviso. Ti danno il tempo e il modo di segnarti le parole che non conosci e che magari ti fanno intuire il senso di una frase sì ma senza comprenderne le sfumature. E allora una ricerca veloce su Google ed ecco il disvelamento di senso, una parola in più come una freccia al proprio arco, e la sensazione di aver acquisito un pochino di dimestichezza. Faticoso? Sì, certo. Magari invece di 10 pagine (sì, sono un’inguaribile ottimista che però casca dal sonno generalmente a pagina 3) ne leggerete 5, però senz’altro quella lettura sarà stata doppiamente utile.

Il succo? Semplice. Non è vero che non abbiamo tempo. Sono solo scuse. E le scuse non portano da nessuna parte. Parola della Regina delle Giustificazioni.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.